Cessione del Quinto INPDAP: Simulazione, Tabelle e Come Funziona per i Dipendenti Pubblici

Sei un dipendente pubblico o privato e hai bisogno di un capitale per effettuare spese? La cessione del quinto INPDAP potrebbe fare al caso tuo! E’ una soluzione pensata per i lavoratori, in cui le rate vengono trattenute direttamente dallo stipendio. Si chiama così perché la parte dovuta costituisce al massimo un quinto dello stipendio, ossia il 20% della somma netta.

Cos’è la cessione del quinto

E’ una particolare tipologia di finanziamenti a tasso fisso con durata massima di 120 mesi, nato per dipendenti pubblici e privati con contratto a tempo indeterminato. Vengono erogati da banche e società finanziare convenzionate, oppure dall’Inps. L’ipotesi che si verifica con più frequenza è la cessione del quinto, ma in alcuni casi è previsto il doppio quinto o cessione delega, in cui viene trattenuto fino al 40% dello stipendio. Diversamente dalla normale cessione del quinto, il rischio è maggiore e non sempre viene concessa.

In altre tipologie di finanziamento si valuta la storia creditizia del richiedente, mentre in questo caso dipende solo dalla busta paga. Si tratta di un aspetto particolarmente positivo, che agevola e velocizza le procedure. Nel caso dei pensionati viene imposto un limite di età: la scadenza del prestito deve avvenire entro il novantesimo anno e non può in ogni caso durare più di dieci anni (in tante circostanze viene anche richiesta un’assicurazione in caso di morte prematura).

cessione del quinto inpdap
Cessione del quinto INPDAP

Simulazione della cessione del quinto

Oggi molti istituti di credito dispongono di tanti strumenti e funzionalità, consultabili direttamente sul loro sito. Così facendo, in maniera immediata, potrai confrontare le varie proposte presenti sul mercato e scegliere quella più funzionale alla tua situazione economica.

Molti sono i tool: il consiglio che ti diamo è quello di individuare fin da subito le banche con le proposte più convenienti, o rivolgerti all’INPS e successivamente provare con la simulazione. Così facendo, potrai avere un preventivo in grado di indicarti la rata del tuo prestito che, in gergo, viene definito il quinto cedibile. Ti verranno richieste alcune informazioni basilari: tipologia di prestito, stipendio netto mensile, recapito e durata del prestito.

Come dipendente pubblico, puoi fare direttamente richiesta tramite il sito dell’INPS, in tre modi. Il primo è la simulazione del prestito: calcolerai importo massimo e minimo, inserendo lo stipendio netto e data di nascita. Altra modalità è la simulazione del prestito per rata ideale: ti verranno richiesti, come nel caso precedente, data di nascita e stipendio netto. In più, dovrai indicare anche la rata ideale, ossia la quota che sei disposto a pagare ogni mese per estinguere il debito. Ultima opzione è la simulazione prestito per importo specifico in cui, oltre a stipendio netto e data di nascita, potrai inserire la somma di denaro che desideri ottenere in prestito. In ciascuno di questi casi, compariranno delle schermate, con le diverse simulazioni disponibili.

Tabelle per la cessione del quinto INPDAP

Sul sito INPS e INPDAP potrai consultare le tabelle, con i vari importi a seconda del prestito erogato. E’ pensato per garantire maggiore trasparenza, sia che si tratti di cessione del quinto di piccola entità, che di grande. Le tabelle non sono altro che tavole finanziarie, consultabili in ogni momento, attraverso le quali potrai calcolare il lordo e netto ottenibile dal tuo finanziamento. Ciò varia a seconda del genere di finanziamento scelto, dell’età di chi lo richiede, oltre al suo stipendio o pensione netta.

Ecco alcuni esempi, maggiormente esplicativi:

  1. Se la tua pensione è di 1.001, 78 euro , al netto di trattenute fiscali e previdenziali, l’importo massimo destinato alla cessione del quinto è di 200, 356 euro al mese.
  2. Se il tuo stipendio netto è di 1.450 euro l’importo che potrai destinare alla cessione del quinto è di, al massimo, 290 euro mensili.

Cessione del quinto per i dipendenti pubblici

Il prestito con cessione del quinto INPDAP, come già anticipato, è un tipo di finanziamento accessibile ai dipendenti pubblici. Per accedervi, tuttavia, è necessario disporre di alcuni requisiti:

  • contratto a tempo indeterminato (ininfluente se siete lavoratori full-time o part-time);
  • stipendio con salario fisso;
  • essere lavoratori al momento della presentazione della richiesta;
  • avere compiuto 18 anni d’età.

La richiesta può essere effettuata direttamente online: un consulente o un dipendente si occuperà della vostra richiesta, consigliandovi la miglior soluzione in tema di cessione del credito. In linea generale, comunque, si tratta di una soluzione particolarmente conveniente, perché il pagamento della quota avviene in busta paga.

Così facendo, si velocizzano le procedure, ed eviterete ogni volta di dover effettuare bollettini per il pagamento, con il rischio che il pagamento non sia sempre puntuale. Inoltre, la banca o l’istituto di credito al quale deciderete di affidarvi con la cessione del quinto corre un rischio finanziario minore, e sarà maggiormente propensa ad accettare la vostra richiesta. In più, la rata è economicamente sostenibile e viene erogata in tempi molto brevi (mediamente 2/3 settimane). A ciò si aggiunge l’opzione di estinzione anticipata, in base alla quale si può consolidare il debito prima del periodo pattuito, riducendo di conseguenza la quota mensile da pagare.