Prestiti Senza Busta Paga: Ecco in Quali Casi Vengono Concessi

I prestiti senza busta paga sono dei finanziamenti concessi in favore di chi ha necessità di avere denaro liquido, ma non ha una busta paga che faccia da garanzia per il prestito ricevuto.

Piccoli prestiti

I prestiti senza busta paga sono dei piccoli prestiti, solitamente la cifra massima che viene erogata si aggira intorno ai 5000 euro, tutto, però, dipende dalla banca e dal tipo di garanzia data. In linea generale quindi, lavoratori autonomi, disoccupati, giovani che vogliono iniziare un’attività e tutti coloro che non sono titolari di un reddito da lavoro dipendente possono, quindi, ottenere un finanziamento, ma vediamo come. Sono diversi i modi grazie ai quali è possibile richiedere ed ottenere un prestito senza busta paga, fondamentale è presentare altre garanzie. Ricordiamo principalmente

  • I prestiti con garante
  • I prestiti con pegno
  • I prestiti con ipoteca
prestiti senza busta paga
Prestiti senza busta paga

I prestiti con garante

Sono sempre di più gli istituti di credito, le banche, le finanziarie, che per rispondere alle esigenze di chi si trova in un momento di difficoltà, sono pronte a concedere un prestito accettando come tutela per il rispetto degli impegni presi la presenza di un garante.

Cosa si intende per garante? Garante è quella persona che, in modo ufficiale, garantisce, dà assicurazione, per il mantenimento di un impegno preso da altri. Nello specifico, il garante entra in gioco nel caso in cui chi ha beneficiato del finanziamento non abbia la possibilità di rispettare l’impegno presto e quindi di pagare l’importo dovuto. In tal caso il garante dovrà pagare al posto del debitore principale. È ben chiaro, quindi, che non tutti possono fare da garante.

Chi può essere garante? Può fare da garante chiunque sia maggiorenne, abbia una buona affidabilità creditizia e non sia già garante di un’altra operazione analoga. Il soggetto in questione deve avere un contratto a tempo indeterminato, avere un reddito sufficiente per poter rimborsare, ove necessario, le rate del prestito, e non deve, ovviamente, avere contratto delle obbligazioni alle quali non ha adempiuto. Non tutti, però, hanno un amico, parente, compagno, che possa fare da garante, nessun problema, ecco le alternative possibili

Prestiti con pegno a garanzia

I prestiti su pegno sono dei finanziamenti che possono essere richiesti al banco dei pegni. Sono tanti gli istituti bancari che si stanno muovendo su questa forma di concessione di prestiti, possiamo ricordare Ubi, UniCredit, Banco BPM, Intesa San Paolo. I prestiti erogati sono garantiti da oggetti di valore.

Quali sono gli oggetti di valore accettati? Vengono accettati, gioielli in oro ed argento, orologi di valore, monete preziose, argenteria ed, in alcuni casi, anche quadri, tappeti e pellicce. Non basta però fornire uno o più di questi oggetti come pegno, la banca, infatti, farà fare da un perito esterno la valutazione del bene affinché sia sicuro che il valore di mercato dell’oggetto sia sufficiente a rientrare del prestito concesso. Proprio per questo il prezzo sarà sempre più basso rispetto quello reale.

Uno dei vantaggi di questo tipo di prestito sta nel fatto che la banca non fa nessun controllo di solidità finanziaria del richiedente; ma se non si avesse un bene mobile da dare in pegno? Anche in questo caso c’è un altra strada percorribile, quella del prestito con ipoteca.

Prestito con ipoteca

Il prestito con ipoteca può essere richiesto da chi sia proprietario di un immobile e sia disposto ad ipotecarlo. L’ipoteca si estingue con il pagamento del debito e quindi grava sul bene finché il debito è in vita. Il vantaggio di questo prestito sta nel fatto che le cifre concesse, se il bene oggetto di ipoteca è di alto valore, possono essere anche molto elevate. Per ottenere il prestito è necessario presentare alla banca tutta la documentazione che accerta il possesso e la proprietà totale della cosa. Lo svantaggio di questo tipo di prestito sta nei tempi, spesso lunghi, che accompagnano la chiusura della pratica.

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 0 Media: 0]