Piccolo Prestito INPS: Tabelle, Simulazione e Tempi di Erogazione

Il piccolo prestito INPS viene erogato a pensionati e pubblici dipendenti sulla base di determinati parametrici e tabelle oltre che dello stipendio netto percepito. I tempi di erogazione sono piuttosto brevi e per questo ad oggi tale finanziamento viene molto richiesto.

Cos’è il piccolo prestito INPS

Se hai bisogno di una piccola somma di denaro per compare un’auto nuova, per far fronte alle esigenze familiari oppure più semplicemente per le spese mediche e sei un pensionato o un dipendente pubblicato, puoi utilizzare a tuo vantaggio un’apposita tipologia di finanziamento offerta dall’INPS chiamata piccolo prestito. Il finanziamento viene erogato e può essere richiesto soltanto da coloro che risultano essere contribuenti ex INPDAP.

Per poter richiedere il prestito devi quindi per forza di cose disporre di un contratto a tempo indeterminato ma in alcuni casi il contratto a tempo determinato può essere accettato ugualmente purché abbia una durata di almeno tre anni. Se sei invece un pensionato potrai ottenere il credito solamente per una somma pari ad un massimo di otto volte quella della tua pensione.

piccolo prestito inps
Piccolo prestito INPS

Tabelle e come funziona

Il piccolo prestito concesso dall’INPS tiene conto del tuo stipendio oppure della tua pensione. Per questo l’ente erogatore ti concederà un finanziamento pari o superiore a otto volte quello delle tue mensilità.
Per quanto riguarda il rimborso invece occorre precisare che esso tiene conto dell’importo del prestito e il meccanismo può essere spiegato meglio attraverso l’elaborazione di un’apposita tabella.

Nel caso in cui infatti scegli di optare per un credito corrispondente a una o due mensilità del tuo stipendio, dovrai risarcire la somma erogata con dodici rate mensili e quindi entro un anno di tempo. La durata in questo caso aumenta in relazione all’importo richiesto e per tale motivi se hai bisogno di un credito di due a quattro mensilità dovrai provvedere al rimborso entro due anni, se richiedi da tre a sei mensilità entro tre anni ed infine da quattro a otto mensilità entro quattro anni.

Nel caso in cui hai bisogno invece di un piccolo prestito INPS e hai già provveduto al pagamento delle prime rate, potrai richiedere un ulteriore finanziamento, tenendo sempre conto di alcune specifiche tabelle. Ad esempio sarai così legittimato a richiedere il rinnovo del prestito solo dopo cinque mesi di pagamento regolare del precedente finanziamento se il credito prevede una durata massima di dodici rate oppure dopo dieci mesi se il finanziamento è di ventiquattro rate e così via.

Simulazione del piccolo prestito INPS

Per capire più nel dettaglio a quanto ammonta il piccolo prestito che ti verrà offerto dall’INPS ti occorrerà semplicemente collegarti al loro sito ufficiale. Qui infatti puoi trovare un apposito servizio di simulazione molto facile da usare. Ti basta infatti inserire pochissimi dati come la data di nascita e l’importo del tuo stipendio netto per poter ottenere una simulazione in tempo reale.

Avrai la possibilità inoltre di poter scegliere fra tre diversi tipi di simulazione: prestito, rata ideale e importo specifico. Nel primo caso potrai conoscere più nello specifico quale importo di finanziamento minimo e massimo potrà essere da te richiesto. In questa situazione verrà tenuto conto del tuo stipendio. Nella seconda opzione, ovvero nella simulazione per rata ideale potrai conoscere la rata mensile massima che dovrai pagare una volta ottenuto il credito. Fondamentale sarà anche in tale contesto precisare lo stipendio percepito.

Nella terza ed ultima simulazione invece sarà possibile visionare l’applicazione da utilizzare una volta compreso a quanto ammonta il finanziamento di cui hai bisogno. Se ad esempio necessiti di un prestito da 30.000 euro, il sistema provvederà nell’immedito ad indicarti se puoi richiede tale somma o meno. Ti indicherà anche a quanto ammonta il totale massimo che potrai richiedere. Per farlo si baserà sulle indicazioni da te fornite relative allo stipendio netto.

Tempi di erogazione

Il piccolo prestito INPS prevede dei tempi di erogazione piuttosto brevi. Nella maggior parte dei casi infatti il finanziamento viene concesso entro due o tre mesi circa tenendo conto del giorno in cui provvedi a fare richiesta. L’istituto di credito ha bisogno di tale periodo per verificare e controllare le informazioni da te fornite e soltanto dopo aver effettuato tutti i dovuti controlli deciderà in completa autonomia se accettare o meno la tua domanda. Per conoscere nel dettaglio lo stato della tua richiesta ti basterà contattare telefonicamente la sede dell’INPS. Il prestito offerto dall’INPS si presenta così molto vantaggioso se quello di cui hai bisogno è di una piccola somma di denaro nel giro di qualche mese.