Cessione del Quinto: Requisiti, Come Funziona e Come Avviene la Simulazione

La cessione del quinto ha conosciuto recentemente una vastissima applicazione, una sua seconda vita, in ragione della vantaggiosità che connota la cessione del quinto rispetto ad altre forme di finanziamento. Vediamo subito quali sono le principali differenze con il prestito personale e quali i vantaggi concreti della cessione del quinto. Anzitutto il prestito personale si contraddistingue per i tempi brevi di erogazione (possono essere sufficienti per la corresponsione del prestito soltanto 24 ore). La sua corresponsione è subordinata alla credibilità creditizia del richiedente, ossia il cosiddetto merito creditizio. Questo significa che ove non siano stati pagati vecchi finanziamenti in modo regolare o vi siano state proteste o pignoramenti, il prestito difficilmente sarà erogabile.

Infine, esiste pur sempre un rapporto tra rata del finanziamento e reddito, che corrisponde circa al 30% o al 40% del reddito. La cessione del quinto inizialmente veniva utilizzata per quella clientela che non aveva accesso facile al credito. Le ragione di tale difficoltà si rinvengono in una temporanea situazione di difficoltà oppure per uno scarso merito creditorio, ossia una banca dati non pulita. Oggi è in grande ascesa la cessione del quinto, che rappresenta primariamente uno strumenti utile anche per la banca ai fini dell’accantonamento del 25% alla banca, consentendo alla stessa di concedere più finanziamenti.

Cessione del quinto: come funziona nel dettaglio

La cessione del quinto è invece una forma di finanziamento differente. In primo luogo, ai fini della cessione del quinto, occorre la busta paga relativa ad un contratto a tempo indeterminato: così la rata, il quinto sarà prelevata direttamente dalla busta paga, il datore di lavoro la tratterrà e la verserà alla banca o alla società finanziaria. Uno dei vantaggi della cessione del quinto è che il TAEG è sensibilmente più basso rispetto a quello operante per i prestiti personali.

La caratteristica fondamentale della cessione del quinto, la necessità della busta paga e la sua trattenuta alla fonte al fine del finanziamento, spiega la ragione per cui non sono necessarie firme in garanzia (richieste, invece, per il prestito personale). Evidente è infatti che il contratto di lavoro sarà rappresenta essenzialmente la garanzia del pagamento del finanziamento. La cessione del quinto, in sostanza, è una particolare forma di prestito garantito dal datore di lavoro; la rata viene trattenuta dal datore dalla busta paga, dal salario (o dalla pensione). La rata dovrà ammontare ad un importo non maggiore di un quinto dello stipendio, da qui il nome di cessione del quinto. Così, questo particolare strumento permette di ottenere un finanziamento partendo dal contratto di lavoro.

Quali sono i requisiti necessari? Essenzialmente i requisiti richiesti per la cessione del quinto mutano a seconda dell’istituto erogante il finanziamento. Tuttavia è possibile segnalarne i più ricorrenti: principalmente occorre un contratto a tempo indeterminato; è necessario che l’assunzione sia avvenuto almeno 5 anni prima; l’azienda, se privata, deve essere costituita nella forma della srl o spa; l’azienda deve contare più di 20 dipendenti. Ovviamente alla cessione del quinto possono accedere i dipendenti pubblici, i pensionati e quei soggetti che lavorano per aziende private solide, in ragione dei summenzionati requisiti richiesti. Tra i vantaggi della cessione del quinto vi è sicuramente la possibilità di poter ottenere importi alti, dato che la restituzione può avvenire anche in 10 anni.

cessione del quinto
Cessione del qunito

Come avviene la simulazione

E’ possibile oggi calcolare online il preventivo della cessione del quinto e attraverso la firma digitale può essere effettuata la richiesta direttamente online. Nessuna spesa accessoria nè spese di intermediazione o gestioni, nè imposte di bollo sono previste per il calcolo del preventivo.

Su www.findomestic.it è possibile calcolare agevolmente il preventivo della cessione del quinto. Lo stesso è possibile fare sul sito www.facile.it o www.prestiti.segugio.it. In tali ultimi link, occorre compilare il modulo che viene proposto che richiede informazioni come tipologia di lavoratore (dipendente privato, dipendente pubblico o pensionato), tipologia di contratto (determinato o indeterminato), dati personali identificativi, stipendio netto mensile, importo rata e durata del finanziamento,

Una volta inseriti i dati, è possibile ottenere in via anonima il preventivo. Successivamente, potranno gratuitamente confrontare le offerte di prestito con cessione del quinto disponibili. Infine, dopo aver vagliato le diverse soluzioni esistenti sul mercato bancario o finanziario, è possibile richiedere la preapprovazione online, gratis e senza alcun vincolo.

Nella valutazione della soluzione più conveniente di prestito con cessione del quinto occorre tener conto di due parametri: il TAEG e il TAN. Per il resto, va detto che l’importo ottenibile con la cessione del quinto dipende esclusivamente dallo stipenido o dalla pensione percepita. Per la richiesta, occorre presentare un documento di identità, il codice fiscale o tessera sanitaria, e l’ultimo documento di reddito, ossia la busta paga per i lavoratori dipendenti, cedolino della pensione o accredito della pensione in conto corrente per i pensionati.

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 0 Media: 0]